Voto

7

Si fa davvero molta fatica a star dietro all’infinità dei lavori prodotti dai Flaming Lips nell’arco della loro gloriosa parabola artistica. La notizia di una loro nuova fatica rischia così di perdersi nel marasma delle molteplici manifestazioni di Wayne Coyne e soci.

Sintetizzatori, chitarre e atmosfere oniriche sono gli ingredienti di Oczy Mlody, un disco che dividerà i loro fan, ormai abituati a ben altre costruzioni sinfoniche. L’album rappresenta la continuazione di un cammino, intrapreso dalla band già da tempo, verso sonorità di ascendenza hip-hop, dando vita a una formula che si rivela di successo solo per la prima metà del disco, di maggiore ispirazione e liricità rispetto alla progressione finale.

Oczy Mlody è un disco che necessita di qualche ascolto in più e libero da qualsiasi aspettativa o pregiudizio per farsi apprezzare.

Matteo Abruzzo