Dopo il rinvio a causa dell’emergenza sanitaria, che ha dato una grossa batosta all’intera trafila cinematografica indipendente italiana, il Sicilia Queer Filmfest diventa realtà proprio oggi. Con una selezione di film a tematica LGBTQ+, dal 15 al 20 settembre verranno presentati 9 lungometraggi, tra documentari e fiction, in gara per la sezione Nuove Visioni, e 14 cortometraggi, per la sezione Queer Short. Tutti e 23 i film dei due Concorsi Internazionali saranno parallelamente disponibili in streaming sulla piattaforma MyMovies, secondo un format ibrido che permette al Festival di esistere su un piano concreto, tridimensionale, come sempre al Cinema De Seta di Palermo e, allo stesso tempo, di espandere i propri confini a un livello potenzialmente globale.

In aggiunta al ricco programma, il Festival vuole ricordare due grandi protagoniste del panorama cinematografico – e non solo – degli ultimi decenni; due donne che si sono guadagnate con fatica una posizione di tutto rispetto nell’Italia degli anni 60, rivendicando la dignità dell’essere “diverse”, intelligenti e libere. Donne inattese. Omaggio a Franca Valeri e Catherine Spaak, dedica alle due attrici due proiezioni speciali: Parigi o cara (1962) di Vittorio Caprioli, scritto e interpretato da Franca Valeri, e I dolci inganni (1960) di Alberto Lattuada, con Catherine Spaak.

Tutte le info sulla programmazione sono disponibili qui, che scegliate di guardarvela irl o virtualmente.

Giulia Crippa