Voto

5

In questo settimo album in studio uno scorrevole soul-pop accompagna un romantico Seal che parla d’amore, penetrando l’ascoltatore con la sua voce graffiante. Il soul si insinua tra le attuali melodie pop e si fonde, purtroppo solo di rado, con sonorità più frizzanti e movimentate, quali la dance in Life On The Dancefloor e i ritmi funkeggianti in Monascow. Nonostante queste sporadiche “botte di vita”, 7 non cattura l’ascoltatore, manca di fascino ed è poco coinvolgente.

Seal propone qualcosa di già sentito e non aggiunge alcun tocco innovativo che, invece, ben si accosterebbe alla sua incredibile voce.

Federica Romanò

Potrebbero interessarti: