Voto

6

Quanto è sottile il confine che separa una piccola bugia da una gigantesca truffa? I due protagonisti Maurizio Nardi (Mario Acampa) e Luca Maggi (Gianluca Guastella), rispettivamente un Reporter e il suo Cameramen, si ritrovano a prendere delle decisioni moralmente discutibili che andranno a compromettere le loro stesse carriere.

 La disperazione e la noia possono giustificare l’inganno? È questo il tema cardine della pellicola di Paolo Bertino e Alessandro Isetta, che affrontano la questione delle notizie contraffatte e quanto risulti facile crearle dal momento che nessuno ne controlla la veridicità. I protagonisti, infatti, continuano imperturbati a orchestrare bugie sempre più grandi, fino all’inevitabile conclusione.

La sceneggiatura risulta semplice e senza forzature, ma al contempo piatta e priva di spessore, soprattutto nei dialoghi fra i personaggi e nella caratterizzazione degli stessi. Press rimane così un film incompleto che non esprime, nonostante l’originalità del soggetto, il massimo delle proprie potenzialità.

Giada Portincasa