Voto

6

Alte le aspettative per Overlord, il nazi zombie movie prodotto da J. J. Abrams e diretto dal giovane australiano Julius Avery.

È sufficiente la potente sequenza di apertura nel bel mezzo delle operazioni belliche del 6 giugno 1944 ad allontanare il film dalla copiosa filmografia sull’argomento: il disordinato manipolo di paratrooper statunitensi – stipati a bordo di un aereo militare e in procinto di essere scagliati su territorio francese – viene decimato dall’artiglieria tedesca ben prima dell’inizio della missione e i pochi superstiti diventano, loro malgrado e quasi per caso, protagonisti delle vicende. Nessuna vocazione eroica né approfondimento biografico per i soldati Boyce (Jovan Adepo), Ford (Wyatt Russell), Tippet (John Magaro) e Chase (Iain De Caestecker), incaricati di distruggere una torre militare tedesca entro la mattina seguente per favorire lo sbarco delle forze alleate.

La scoperta di inquietanti esperimenti tedeschi sui corpi morti dei popolani francesi fa presto scivolare il film verso tinte horror e fantascientifiche, in un mix di generi che, sebbene non particolarmente originale considerata la ricorrenza sul grande schermo di scienziati pazzi al servizio del Fuhrer, risulta comunque divertente e congeniale a un intrattenimento senza troppe pretese. Spargimenti di sangue e scariche di proiettili si susseguono a ritmo di abbondanti jumpscare, prevedibili ma efficaci, che paiono i facili espedienti di una scrittura (Billy Ray, Mark L. Smith) che altrimenti sarebbe parsa un po’ debole nel costruire la tensione.

Giorgia Maestri

Potrebbero interessarti: