Dal 20 al 24 settembre 2022 torna Orvieto Cinema Fest, il primo festival internazionale di cortometraggi interamente made in Umbria, giunto quest’anno alla quinta edizione. Nato nel 2018, mantiene saldo il proprio obiettivo: la valorizzazione del film breve come forma contemporanea di espressione artistica efficace ma ancora troppo poco esplorata, creando un terreno fertile per i nuovi talenti emergenti inernazionali attraverso la selezione di corti di qualità. Il programma di quest’anno attiverà quattro diverse location del comune umbro: il Teatro Mancinelli, che accoglierà tutte le proiezioni delle opere selezionate a partire dalla prima serata del 21 settembre; la Nuova Biblioteca Pubblica “Luigi Fumi”; la chiesa di San Giovenale, dove si terrà il party di chiusura; e Palazzo Coelli, che ospiterà la mostra delle 15 illustrazioni finaliste del contest a tema L’invisibile.

La selezione ufficiale di quest’anno presenterà 28 cortometraggi in gara, tra opere internazionali e non, di cui 6 anteprime nazionali e una mondiale, divisi in tre categorie: Nazionali, che ospita 9 cortometraggi di sola produzione italiana – di cui due presentati anche alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2022 -; Internazionali, formata da 13 opere provenienti da diversi paesi del mondo – tra cui Nigeria, Grecia, Libano o Brasile, e presentati in festival internazionali come il Toronto International Film Festival o il Sundance Film Festival; e Animazioni, che presenta 6 film realizzati con stili d’animazione originali e ricercati.

Alla guida della manifestazione, la direttrice amministrativa Sara Carpinelli e Stefania Fausto alla direzione artistica, affiancate nell’organizzazione da Valentina Dalmonte e Francesca Bonfanti. Nella giuria ufficiale troviamo il regista Stefano Cipani, conosciuto soprattutto per il suo esordio alla regia Mio Fratello Rincorre i Dinosauri, premiato con il David di Donatello Giovani, Beatrice Baldacci, regista e sceneggiatrice del film La Tana, e Benedetta Pini, Co-founder ed Editorial Director di 1977 magazine ed Editor di i-D Italy. Oltre alla giuria ufficiale, una giuria composta da due membri del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) Anna Pennella, Davide Magnisi e Roberto Baldassarre, che assegneranno un Premio ad hoc a nome dell’Associazione. Infine, confermato anche quest’anno, il premio MyMovies.

Kevin Cella