In Italia siamo dei ritardatari cronici, e ormai esserlo non ci sorprende neanche più di tanto. Oggi, però, non vi parleremo del ritardo di una moda arrivata tardi, o del solito treno regionale che nell’ora di punta non ha mai un solo minuto di anticipo. Oggi vi parliamo di ONE, l’ultima iniziativa di Bono Vox, della quale nel nostro piccolo siamo partner e sostenitori attivi.

Sviluppatasi già in tutto il mondo raggiungendo milioni di seguaci e promuovendo campagne capaci di coinvolgere testimonial prestigiosi, l’associazione è ancora pressoché sconosciuta a livello nazionale. Per questo siamo così lieti di parlarvi di ONE, un’organizzazione fondata da Bono Vox che opera in tutto il mondo attraverso campagne e attività di sensibilizzazione per combattere estrema povertà e malattie prevenibili, soprattutto nei Paesi dell’Africa. ONE è già sostenuta da oltre 7.5 milioni di membri in tutto il mondo, sensibilizza l’opinione pubblica e sollecita l’intervento dei governi.

La particolarità di ONE, che prende il proprio nome da una delle canzoni più celebri degli U2, è che opera attraverso l’arte: non eroga sovvenzioni né chiede alcun tipo di aiuto finanziario. Chiede solamente una cosa: la voce. Sensibilizzare il mondo prendendo in prestito la voce degli artisti, che per una notte diventano testimonial di ONE agli eventi organizzati dalla stessa associazione, è un’iniziativa che rispecchia appieno l’identità di 1977. La musica, così, è la protagonista principale: per rimanere sempre aggiornati sugli eventi di ONE, passare una serata in compagnia di buona musica e diventare magari la sua voce per una sera, basta seguire l’organizzazione sulle sue pagine social. Gli eventi sono organizzati da giovanissimi volontari che prendono il nome di ONE Youth Ambassador e contano circa 300 ragazzi solo in Europa.

Oggi vi abbiamo raccontato una bella storia che continueremo a sostenere e a promuovere, sentendoci meno in ritardo degli altri. Vi aspettiamo per cantare e bere un bicchiere insieme a ONE ai prossimi eventi in città.

Fabrizio La Sorsa