Voto

7

“I can’t throw a line but I can reel it in, I can throw a dart but I can’t make it stick”. Parole dure e piene di dolore, di una donna affranta per un amore che le ha dato tanto per poi fuggire all’improvviso: con The Weight of These Wings Miranda Lamber analizza la dolorosa relazione che ha legato lei e Blake Shelton per quattro anni di matrimonio. 

Tematiche amorose, ma solo come spunto: l’album è sapientemente giostrato su una netta contrapposizione tra due stati d’animo, l’amore e il dolore, evidente già dalla scelta stilistica di un doppio CD (The Nerve e The Heart), quasi a dividere la propria personalità all’interno di due supporti fisici. Questa polarità si mantiene anche in Use My Heart, ballata dai toni country in cui Lambert sviscera il proprio dolore, e in I’ve Got Wheels, allegoria di un viaggio alla ricerca della libertà. In Keeper of The Flame, invece, si palesano accenni di tradizionale patriottismo musicale, che affiora tramite un registro nettamente più ritmato e dalle sfumature tendenti al rock classico.

Un viaggio verso la libertà, alla ricerca di un nuovo inizio, ma privo di disperazione: Miranda Lambert risponde alle proprie sofferenze colpo dopo colpo con una voce che si muove su ampi registri senza mai rischiare.

Sabino Forte