Questa non è una classifica. Durante il 2020 sono saltate decine di uscite, altrettante sono state rimandate TBA e ancora di più sono passate alla distribuzione digitale, disperdendosi nell’ecosistema mediale dove tutto è allo reperibile e perdibile allo stesso tempo. Tanti film ce li siamo persi, di tanti neanche abbiamo sentito parlare e una parte li abbiamo intercettati. Di questi ultimi, qui sotto trovate quelli che ci sono rimasti impressi, che ci hanno colpito, che abbiamo magari anche rivisto, di cui sentiamo ancora il bisogno di parlare e che, soprattutto, ci teniamo a consigliarvi.

1. Ema, Pablo Larraín, Cile

Leggi la recensione.

2. La ragazza d’autunno, Kantemir Balagov, Russia

Leggi la recensione.

3. DAU, Ilya Khrzhanovsky, Russia

Leggi la recensione.

4. Storia di un fantasma, David Lowery, USA

Leggi la recensione.

5. Le sorelle Macaluso, Emma Dante, Italia

Leggi la recensione.

6. Apples, Christos Nikou, Grecia

7. Diamanti grezzi, Josh e Benny Safdie, USA

Leggi la recensione.

8. Sound of Metal, Darius Marder, USA

Leggi la recensione.

9. Undine, Christian Petzold, Germania

Leggi la recensione.

10. Sto pensando di finirla qui, Charlie Kaufman, USA

Leggi la recensione.

11. Honey Boy, Alma Har’el, USA

Leggi la recensione.

12. Favolacce, Fratelli D’Innocenzo, Italia

Leggi la recensione.

13. City Hall, Frederick Wiseman, USA

Leggi l’articolo.
Leggi la recensione.

14. La casa dell’amore, Luca Ferri, Italia

Leggi la recensione.

15. Shakedown, Leilah Weinraub, USA

Leggi la recensone.

La redazione