Voto

7.5

Con quattordici album alle spalle, cinque Grammy e una posizione consolidata nel panorama musicale, Mariah Carey spiazza critica e ascoltatori rimanendo semplicemente fedele a se stessa.

Ne approfitta per rifarsi di qualche recente passo falso extra-musicale, confezionando testi molto personali, grazie anche alla voce delicata, alla capacità di coniugare magistralmente pop e R&B e a una schiera di produttori di livello. Da Nineteen85 – produttore di Hold On, We’re Going Home di Drake –,  che si è occupato dell’apripista GTFO, a Timbaland, al lavoro su 8th Grade

Tra i featuring spiccano la chart friendly The Distance insieme a Ty Dolla $ign e Stay Long Love You con Gunna, astro nascente della trap d’oltreoceano. Ma è Giving Me Life, featuring Slick Rick e Blood Orange, l’apice di Cautionche richiama il mood di All That You Want di Busta Rhymes, nel quale spiccava una Mariah Carey celestiale.

Matteo Squillace

Potrebbero interessarti: