Voto

5.5

Dopo l’aria stantia creata dalla caduta di stile del trio Aldo Giovanni e Giacomo, che ha fatto rumore persino sui social, Ficarra e Picone aprono una finestra da cui entra la leggera brezza marina di Pietrammare.

Il duo comico porta nelle sale una commedia delicata e che fa sorridere, senza pretendere molto. Se da una parte, però, la pellicola infonde un po’ di vita alla commedia italiana, dall’altra, pecca di codardia: nella struttura del film mancano quella spinta critica e quel coraggio necessario a dire come stanno veramente le cose in Italia. La nota critica si percepisce, ma non è altro che una delle melodie suonate dalla chiassosa orchestra di risate, ridotta com’è a sottofondo sinfonico alla commedia.

L’ora legale evita per un pelo l’ostacolo della banalità, che avrebbe fatto scadere il film nella mera autoparodia, e riesce a intrattenere il pubblico facendo leva più sulle situazioni e sulle location che sui personaggi.

Filippo Fante