Voto

6

Ci sono due notizie, una buona e una cattiva. La prima è che WALLS è l’album più coerente – da un punto di vista squisitamente musicale – dei Kings of Leon da Aha Shake Heartbreak a oggi. La notizia negativa è che la coerenza stilistica che fa da filo conduttore per tutta la durata dell’album non è supportata da brani all’altezza delle aspettative.

WALLS si riduce allora a dieci brani pop rock alla Only By the Night (tra cui spiccano Waste a Moment, Find Me e Over) vagamente contaminati dalla matrice southern (Muchacho, un gioiellino) che ha sempre contraddistinto la band di Nashville, e di cui oggi si sente la mancanza.

L’obiettivo di WALLS è sicuramente riuscito; nonostante il mezzo passo falso, per la prima volta da molto tempo i Followill hanno trovato un’identità ben definita, sperando che il meglio debba ancora venire

Christopher Lobraico

Potrebbero interessarti: