Le ipotesi sul cosa ne sarà della sala cinematografica post Covid-19 sono ancora piuttosto nebulose, tra contingentamenti, proiezioni online e improbabili proposte di drive-in. Di fatto, la crisi economica e culturale ha messo in ginocchio tutti i player del settore, anche i più grossi, e ora la ripartenza si prospetta davvero tortuosa. Ma ci sono realtà che sono riuscite a resistere, adattarsi e rinnovarsi, anche quelle considerate a torto deboli, che troppo spesso vengono relegato ai margini da un mercato miope verso le potenzialità di linguaggi diversi dal lungometraggio e dall’intrattenimento.

Il ritorno al grande schermo comincia proprio dal cortometraggio: Concorto Film Festival ci sarà, e ci sarà fisicamente, anche nel 2020. Con la nuova grafica caleidoscopica di Nolan Pelletier ma la solita location di Parco Raggio di Pontenure (PC), dal 22 al 29 agosto si potrà tornare alle vecchie e buone abitudini: grande schermo, proiezioni all’aperto, talk e chiacchiere sotto le stelle. Concorto Film Festival tornerà con una selezione che è sempre una garanzia (l’anno scorso c’erano anche i lavori Ariane Labed e Chloë Sevigny!), incluse diverse prime italiane e opere provenienti dai principali festival internazionali. Torneranno anche i focus geografici e tematici: Deep Night, per il cinema di genere e all’horror/fantastico, e UBIK, dedicata al cinema sperimentale.

Nel frattempo, sono ancora aperte le iscrizioni al Concorso su Shortfilmdepot fino al 31 maggio.

Chiara Ghidelli