Voto

6.5

Volto arcinoto del cinema italiano, Giorgio Tirabassi arriva alla sua prima prova da regista, e sembra aver centrato quello che diceva il grande Mario Monicelli: “La commedia è il cinema che inizi a fare quando diventi saggio“. Scegliendo i toni del picaresco e gli stilemi dei maestri con cui è cresciuto – da Proietti e Magni -, traccia le parabole improbabili di Nello e Rufetto, due emarginati alla ricerca del “grande salto”.

I temi della commedia italiana sono al centro della sceneggiatura e si armonizzano con un’attenta considerazione del dramma e (molti) sorrisi sinceri, riconfermando il grande affiatamento tra i due amici e interpreti Giorgio Tirabassi e Ricky Memphis. Il grande salto è una commedia che stupisce per la sua realizzazione intelligente e acuta, dimostrando il talento di un regista capace di restituire carica e spessore a un genere sempre più bistrattato.

Davide Spinelli