Dal 7 all’11 agosto torna la Guarimba International Film Festival, un’iniziativa nata da una semplice chiacchierata tra quattro ventenni in un bar di Madrid e che nel corso di pochi anni è riuscito ad affermarsi nel panorama cinematografico italiano. Co-diretto da Giulio Vita, il progetto è finalizzato a riportare gli spettatori ad amare la sala, in particolare dando spazio ai cortometraggi indipendenti, troppe volte snobbati dai programmatori e dai frequentatori dei festival per via del pregiudizio che li bolla come prodotti di scarsa qualità.

Un festival che promuove l’unione, la qualità e l’equità attraverso la democratizzazione, l’integrazione e l’accessibilità della cultura. Grazie alla collaborazione con UNICEF Italia, la Guarimba ha creato una sezione riservata ai più piccini con proiezioni serali in uno spazio chiamato La Grotta dei piccoli, con un programma di 80 cortometraggi animati.

Il programma è inoltre impreziosito da conferenze che riflettono sull’industria cinematografica emergente, facendo conoscere realtà diverse dalle solite e dando stimoli culturali a professionisti e curiosi del settore provenienti da tutto il mondo.

Velitchka Musumeci