Voto

7

Non è semplice riuscire a cavalcare oggi l’onda del music business suonando rock and roll. Ma, nonostante la giovane età, i Greta Van Fleet sono stati il defibrillatore di un genere che è ormai commercialmente al collasso da quasi vent’anni – eccezioni a parte come i White Stripes e i Black Keys.

Anthem of the Peaceful Army gode infatti di due grandi pregi: la semplicità e la coerenza. Un tripudio di 46 minuti spudoratamente hard rock dal retrogusto blues e folk che trabocca di flower power tradizionalista, non innovativo, certo, ma suonato con un entusiasmo talmente contagioso da sfidare l’ascoltatore a non fare un po’ di sano headbanging.

Sir. Elton John, in onda sul suo programma radiofonico Rocket Hour, ha definito il primo EP della band (From the Fires, uscito l’anno scorso) “the best rock ‘n’ roll I’ve heard in 20 fucking years!”, forse esagerando un po’. È certo però che con Anthem of the Paceful Army i Greta Van Fleet offrono una validissima alternativa a quei millenial ormai stanchi di ascoltare trap e affini.

Christopher Lobraico

Potrebbero interessarti: