Voto

7

“La montagna cadrà”, ma speriamo succeda il più tardi possibile, perché Dj Shadow sembra avvicinarsi nuovamente alla vetta. La critica lo descrive come il pioniere del trip hop grazie a Endtroducing…, il suo album d’esordio caratterizzato unicamente da una serie di samples che ha dato il via a un filone musicale di riferimento per artisti del calibro di Moby e Fatboy Slim.

Joshua Paul Davis (aka Dj Shadow) con il nuovo concept concilia echi di gioventù e desiderio di riscatto, utilizzando una tecnologia più avanzata per sublimare l’esperienza. Così l’artista picchietta sempre più forte sul suo campionatore, riduce le voci al minimo indispensabile e concede alla parte strumentale il meritatissimo posto in prima lineaNon mancano ospiti importanti come i Run The Jewels o Ernie Fresh, che permettono al disco di sconfinare nel rap, pur mantenendo un retrogusto old-school, e la stessa collaborazione con un innovatore del calibro di Nils Frahm enfatizza questa dicotomia stilistica che caratterizzerà l’intero concept.

The Mountain Will Fall sgomita tra le novità, riportando in auge il lavoro di un artista che si dimostra in grado di tener testa alle nuove leve.

Giulia Tagliabue