Gli “Oscar italiani” hanno raggiunto ieri sera la loro 61ª edizione (pubblicizzata da Sky come 60ª). Presentati da Alessandro Cattelan accompagnato da Francesco Castelnuovo, Gianni Canova, Pif e The Jackal, i David di Donatello hanno visto un testa a testa tra i capolavori Lo chiamavano Jeeg RobotIl Racconto dei Racconti; sottotono invece gli altrettanto meravigliosi Youth – La giovinezza Non essere cattivo.
Eccovi tutti i vincitori!

Migliore film: Perfetti sconosciuti, Paolo Genovese

Migliore regista: Matteo Garrone (Il Racconto dei Racconti)

Migliore regista esordiente: Gabriele Mainetti (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore sceneggiatura: Paolo Genovese, Filippo Bologna, Paolo Costella, Paola Mammini e Rolando Ravello (Perfetti sconosciuti)

Migliore produttore: Gabriele Mainetti per Goon Films, con Rai Cinema (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore attrice protagonista: Ilenia Pastorelli (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore attore protagonista: Claudio Santamaria (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore attrice non protagonista: Antonia Truppo (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore attore non protagonista: Luca Marinelli (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore direttore della fotografia: Peter Suschitzky (Il racconto dei racconti)

Migliore musicista: David Lang (Youth – La giovinezza)

Migliore canzone originale: Simple Song #3 (Youth – La giovinezza)

Migliore scenografo: Dimitri Capuani e Alessia Anfuso (Il racconto dei racconti)

Migliore costumista: Massimo Cantini Parrini (Il racconto dei racconti)

Migliore truccatore: Gino Tamagnini, Valter Casotto, Luigi d’Andrea e Leonardo Cruciano (Il racconto dei racconti)

Migliore acconciatore: Francesco Pegoretti (Il racconto dei racconti)

Migliore montatore: Andrea Maguolo, con la collaborazione di Federico Conforti (Lo chiamavano Jeeg Robot)

Migliore fonico di presa diretta: Angelo Bonanni (Non essere cattivo)

Migliori effetti digitali: Makinarium (Il racconto dei racconti)

Miglior documentario di lungometraggio: S is for Stanley – Trentanni dietro al volante per Stanley Kubrick,  Alex Infascelli

Miglior cortometraggio: Bellissima, regia di Alessandro Capitani

Premio David giovani: La corrispondenza, regia di Giuseppe Tornatore

Miglior film straniero: Il ponte delle spie, Steven Spielberg

Miglior film dell’Unione Europea: Il figlio di Saul, László Nemes

Mercedes-Benz Future Award: Lo chiamavano Jeeg Robot, Gabriele Mainetti

La Redazione