Voto

6

Buone notizie per i nostalgici del rap: a undici anni di distanza dall’ultimo disco, i Colle der Fomento sono tornati sulla traccia.

14 tracce nel nuovo progetto Adversus, tra cui molti inediti. Poche collaborazioni (due feat. con Kaos e la tromba di Roy Paci in Polvere), ma tante rime: liriche politiche (Penso diverso) e introspettive (Storia di una lunga guerra), tanti riferimenti culturali (come quello cinematografico in Sergio Leone) e il legame mai reciso con la storia del rap italiano (Eppure sono qui).

“Né per stile, né per fama, né denaro”: quella dei Colle è un’esigenza congenita. Presenti sulla scena dal 1994, sono tra i gruppi più decisivi della storia del rap in Italia. In estrema coerenza con il loro percorso, sfornano nel 2018 un disco che, malgrado non sia troppo attuale, riporta lo spettatore alla golden age dell’hip-hop, quando il rap incontra rock, blues e musica italiana.

Anna Laura Tiberini

Potrebbero interessarti: