Voto

8

“Sto qui da un pezzo, ma/mi guardano come se sei arrivato adesso qua” (Non Ho Più Amici). Corrado Migliaro, in arte CoCo, è in giro già da un po’. A tre anni dall’esordio solista di La vita giusta per me, pubblicato per Roccia Music, torna al microfono dopo una pausa interrotta da qualche featuring, come quello con Mecna su Tu ed io in Blue Karaoke.

Acquario è un disco che rompe le regole del gioco. Certo, è in rima, ma va decisamente controcorrente. Momenti acustici come quelli di Nice 2 Meet U e Forse No passano impeccabilmente la staffetta a pezzi più carichi di suoni 80s (Colpisci), passando per sfumature di R&B (Bugie Diverse) fino alle gradazioni più attuali del rap (Non Ho Più Amici – una delle tracce migliori del disco – e Carillon). CoCo si destreggia bene tra tutti i colori che, di traccia in traccia, fanno del disco una tavolozza omogenea.

Il racconto è intimo ma disilluso di aspettative superflue, autobiografico ed emotivo. Dai testi traspare pacatamente la purezza dell’esigenza di fare musica: “Odio quando dicono che merito di più/come se ciò che faccio non sia mai abbastanza/… /vorrei mi dicessero che spacco per quello che faccio/non per la mia faccia (tanto meno la mia giacca)/vorrei credere un po’ di più a me/per imparare a credere un po’ meno agli altri” (Vorrei).

Anna Laura Tiberini