Quello tra grande schermo e sale da gioco è un binomio che ha fatto la storia del cinema: da Casablanca del 1942, passando per Bulli e Pupe e la Stangata, fino ad arrivare a Casinò di Martin Scorse del 1995, sono decine le pellicole che hanno portato nelle nostre case la suggestiva atmosfera del casinò. E il rapporto non si è interrotto neanche nel nuovo millennio.

A inaugurare gli anni ’00, il primo capitolo della fortunatissima serie dedicata alle imprese di Danny Ocean: Ocean’s Eleven (2001). Il protagonista interpretato da George Clooney, uscito di prigione, metterà insieme una squadra di undici professionisti della truffa per svaligiare le case da gioco di Tony Benedict (alias Andy Garcia), suo acerrimo rivale in amore. Tra adrenalina e colpi di scena riuscirà nella sua impresa. Nel 2006 gli amanti dell’agente segreto più famoso al mondo hanno esultato per l’arrivo nelle sale di Casino Royale, remake del celebre film del 1967. Interpretato dal bravissimo Daniel Craig, 007 dovrà sventare le losche trame di Le Chiffre, uno spregiudicato banchiere che finanzia le organizzazioni terroristiche. Epica la scena in cui i due rivali si sfidano al tavolo verde.

E mentre il settore dei casinò online continua la sua evoluzione, il cinema ha proseguito a dedicare alle sale da gioco pellicole imperdibili. Due anni dopo Casino Royale è arrivato 21, film incentrato sul gioco del blackjack. Basata sul libro Bringing down the house di Ben Mezrich, la trama racconta il tentativo da parte di un gruppo di studenti di utilizzare le proprie conoscenze matematiche per sbancare i più importanti casinò di Las Vegas. Contare le carte, però, non porterà soltanto benefici. La parte più difficile sarà quella di gestire le vincite e di resistere alle sirene dell’avidità e del potere. In una delle commedie più divertenti dell’ultimo decennio il casinò è stato un importante protagonista.

In Una notte da leoni del 2009, commedia su un weekend di addio al celibato a Las Vegas in cui succede di tutto, è rimasta celebre la scena in cui Alan, generalmente eccentrico e stranissimo, si presenta concentrato ai tavoli da blackjack, contando le carte e vincendo enormi somme. Beth (Rebecca Hall) è la protagonista di Una ragazza a Las Vegas, film del 2012 del regista Stephen Frears. Arrivata nella Sin City decisa a lavorare come cameriera, Beth si imbatte in Dink (Bruce Willis), uno dei giocatori più famosi della città. La ragazza si innamorerà presto dell’uomo che, seppur non ricambiandola, la prenderà sotto la sua ala perché convinto che gli porti fortuna. Una commedia leggera e spensierata.

La redazione