Sembra ieri quando seguivamo le loro proiezioni al Kinodromo di Bologna, sempre accuratamente ideate e sviluppate. E quando l’hanno scorso sono diventati un festival vero è proprio, siamo corsi a seguirlo. Nato nel 2015 come rassegna cinematografica, nel 2019 è diventato Ce l’ho Corto Film Festival, un progetto che si candida a diventare un punto di riferimento per l’audiovisivo nella città emiliana. Per questo vi consigliamo vivamente di tenerlo d’occhio.

Dopo il grande successo dell’esordio, dal 25 al 18 novembre 2020 torna il Ce l’ho Corto Film Festival per la sua seconda edizione, sempre a Bologna, sempre con la sua attenzione ai cortometraggi indipendenti di giovani cineasti e cineaste. Anche quest’anno continuerà la collaborazione insieme al collettivo InsidePorn per Ce l’ho porno, ovvero una sezione di 10 corti pornografici, a cui si aggiunge una nuova interamente dedicata all’animazione. In totale, quindi, 8 sezioni: Ce l’ho Corto, con 15 corti in gara per il premio di distribuzione offerto da Elenfant Distribution Sayonara Film; Internazionale, con in palio un premio in denaro del valore di 300 euro; Animazione, con 10 cortometraggi che saranno valutati da una giuria di studenti del CITEM di Bologna per aggiudicarsi un premio in denaro del valore di 300 euro; Ce l’ho Porno; Contest, tutti i cortometraggi proiettati e votati dal pubblico, in lizza per un premio offerto da El Garaje Produzioni; infine le sezioni Sound On, Industry e Gaming.

Al momento è impossibile prevedere in che formato si farà, se potremo tutti vederci lì o incontrarci semplicemente su una chat online per commentare comunque le proiezioni. In ogni caso, la call è aperta fino al 7 settembrequi trovate tutte le info specifiche – e l’appuntamento è a novembre!

Velitchka Musumeci