Voto

7

Samantha, da bambina, era solita alzare gli occhi verso il cielo di Malè, il suo paesino natale in provincia di Trento. Da lì si vedevano bene le stelle e, guardandole, si poneva innumerevoli domande, affascinata dal loro splendore, incuriosita dalla loro enigmatica presenza.

Astrosamantha è un documentario che esprime il potere di ogni passione: Samantha è la protagonista che non ha mai smesso di credere nel proprio sogno nonostante i timori che ancora oggi talvolta la affliggono. La sua storia è narrata dall’ineccepibile Gianfranco Giannini, la cui voce profonda e penetrante riempie il silenzio ovattato dello spazio. Una scelta davvero vincente: la risaputa capacità di interpretazione di uno dei migliori attori italiani è riuscita a caricare del giusto valore ogni parola, che viene consegnata allo spettatore quasi come se fosse un oggetti pregiato.

Samantha Cristoforetti, umile e semplice come la vicina della porta accanto, è un orgoglio tutto italiano: ingegnere dell’aeronautica militare, è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Grande Croce ed la donna che ha passato più giorni consecutivi nello spazio. Il regista Gianluca Cerasola, illustra i diversi viaggi della protagonista: il percorso che Samantha ha dovuto intraprendere prima di partire per la missione, gli spostamenti da un continente all’altro e le immagini della quotidianità di Samantha nello spazio. Le musiche di Fabio Mandarà accompagnano le nitide riprese che suscitano meraviglia e incredulità nello spettatore.

In esclusiva del 2 e 3 marzo 2016, Astrosamantha è stata una buona occasione per convincersi che gli unici limiti che esistono sono quelli che ci creiamo noi stessi, nella nostra testa.

Valeria Fumagalli