Voto

8

Sono passati solo sette mesi da Sweetener, un album che sembrava essere la definitiva prova del nove per Ariana Grande. Thank u, next, però, proietta la carriera di Ms. Grande verso nuove e rosee (shocking) prospettive.

Registrato in sole due settimane, la quinta fatica in studio della Grande colma tutti i limiti del già ottimo Sweetener. Si nota subito, infatti, una coesione più solida tra le dodici tracce, che spaziano sapientemente dai beat trap di 7 rings e break up with your girfriend, i’m bored alle armonie R&B e soul di imagine e fake smile.

Per capire quali sono gli sviluppi che hanno cambiato la vita di Ariana Grande nel giro di pochi mesi, inoltre, basta leggere tra le righe dei brani chiave dell’album, come ghostin, in cui riflette sulla morte dell’ex fidanzato Mac Miller, sulla rottura con il giovane comico statunitense Pete Davidson e su quanto queste due dinamiche siano legate tra loro (“I know that it breaks your heart when I cry again over him.”).

Thank you, next è un album pop dall’anima contemporanea che consacra Ariana Grande tra le più grandi interpreti e autrici contemporanee.

Christopher Lobraico