Voto

8

Dopo il successo di Girl on Fire (2012) e la svolta di Here (2016), un album edificante, pieno di jazz, R&B e pop, Alicia Keys torna a far sentire la sua voce con Alicia: quindici brani che riflettono l’animo puro dell’artista in un mash-up di generi che mostra la sua spiccata versatilità.

Alicia è un progetto impegnato, in cui la cantante condivide le proprie battaglie personali, aprendosi a un sentimento di condivisione, solidarietà e speranza che divampa lungo tutta la tracklist. Perfect Way to Die, ad esempio, è una traccia potente e straziante, nella quale Alicia Keys dà voce alla sofferenza di una madre a cui è appena stato ucciso il figlio: “Baby, don’t you close your eyes/This could be our final time/And you know I’m horrible at sayng goodbye”. Su Underdog, brano prodotto insieme a Ed Sheeran, Alicia Keys canta la rivincita dei trafficanti, delle madri single, dei giovani studenti: dei “perdenti” che hanno sfidato il destino e trovato la forza di rialzarsi. Good Job è invece un ringraziamento sentito agli eroi non celebrati: alle persone comuni, a chi porta avanti con tenacia e in silenzio una battaglia personale o comune, all’altruismo di chi sa volere bene e alla perseveranza di chi sceglie di lottare. In un periodo di forti tensioni sociali, ingiustizie e brutalità, un periodo in cui regna una strana sensazione di paura e attesa, Alicia Keys offre agli ascoltatori uno spazio di tregua, nel quale non esistono privilegi, discriminazioni o minacce, ma soltanto rispetto, uguaglianza e amore. Amore per gli altri (Show Me Love feat. Miguel) e amore ritrovato per le infinite parti di se stessi (Gramercy Park). È infatti l’animo sfaccettato della cantante a dare coerenza a un progetto sincero che insegna che non esistono distinzioni di genere, nella musica come nella vita.

Alicia è contemporaneamente il retro-funk di Time Machine, il reggae di Wasted Energy (feat. Diamond Platnumz), il languido R&B di Jill Scott (feat. Jill Scott), ma anche l’anima folk di Gramercy Park, l’elettronica delicata di 3 Hour Drive (feat. Sampha) e il pop di Truth Without Love. Alicia è sinceramente Alicia Keys, sotto tutti i punti di vista, come mostra la copertina dell’album in cui appare fiera e raggiante.

Deborah Cavanna