Voto

6

L’impresa di far convivere in un universo cinematografico due personaggi agli antipodi come Batman e Superman è ardua, ma Snyder & Co. riescono – in parte – nell’impresa.

Batman v Superman: Dawn of Justice è il blockbuster che bisognava aspettarsi per non rimanere delusi: “colossale” in tutti i suoi aspetti e sostenuto da una sceneggiatura che, seppure diligente, scricchiola ogni volta in cui osa più del necessario. Il film, infatti, non regge il confronto con la trilogia di Nolan proprio per la debolezza della scrittura, un elemento difficilmente trascurabile.

Un buon cast, tra cui spicca l’esplosiva Gal Gadot (Wonder Woman) che riesce a salvare quelle sequenze fondamentali in cui l’azione ha la meglio e l’umorismo spezza – per qualche istante – il pathos che sorregge il film. Batman v Superman: Dawn of Justice, infatti, trova un equilibrio nell’intensità dell’azione e nella carica emotiva, risultando sia gregario che protagonista nel “DC Extended Universe”; ed è questo il suo punto di forza.

Christopher Lobraico